Home / Medicina naturale / Abro: usi medicinali in ambito ayurvedico

Abro: usi medicinali in ambito ayurvedico

L’abro (Abrus precatorius) è un arbusto della famiglia delle fabacee originario dell’Indonesia diffuso soprattutto nelle regioni sub-tropicali e tropicali. In ambito ayurvedico, la pianta è denominata Gunja.

AbroL’abro è ricco di composti chimici importanti presenti soprattutto nelle radici. Fra i principali ricordiamo vari amminoacidi quali serina, alanina, valina, colina e estere metilico.
La pianta dell’abro è usata diffusamente in ambito ayurvedico.

Proprietà ayurvediche della pianta

L’abro possiede le seguenti proprietà: Guna (Qualità o attributi), Rukhsa (asciugamento), Tikshna (acutezza), Laghu (leggerezza), Virya (potenzialità), Tikta (amaro), Kashaya (astringente), Rasa (gusto), Ushna (caldo).

Usi medicinali della pianta

Le foglie, i semi e le radici della pianta vengono utilizzate per la composizione di preparazioni medicinali. L’abro infatti ha seguenti usi medicinali:

Itterizia

Le radici dell’abro sono usate per curare l’ittero e la febbre biliare emoglobinurica.

Favorisce la crescita dei capelli

I semi contengono olio, che può essere estratto e applicato per favorire la crescita dei capelli.

Cura i capelli grigi

Il succo viene estratto dalle foglie e utilizzato per il trattamento dei capelli grigi.

Febbre

Le foglie della pianta sono usate per curare la febbre, la tosse e il raffreddore.

Dolori articolari

I semi possono essere trasformati in pasta e applicati sulle articolazioni dolorose per curare la rigidità da sciatica e i dolori alla schiena.

Dolori addominali

Le radici lavorate e trasformate in pasta sono utili per la cura dei tumori e dei dolori addominali.

Nella medicina Siddha, l’olio ottenuto dai semi bianchi è considerato equivalente al Viagra. Ai semi di questa pianta sono attribuite varie altre proprietà; in particolarei proprietà antimicrobiche, anodine, espettoranti, diuretiche, purganti e afrodisiache.
L’abro non provoca effetti tossici se assunto in quantità moderate. Se il dosaggio normale viene superato, allora possono verificarsi effetti collaterali come vomito, diarrea e nausea. Si può persino giungere ad avvelenamento se l’abro dovesse essere consumato in dosi molto elevate. I semi sono molto tossici e possono portare a disfunzioni uterine e inibire il concepimento. Per questo motivo, l’abro deve essere assunto sotto controllo medico.

Forse potrebbe interessarti...

Rimedi ayurvedici per l'artrite reumatoide

Il trattamento ayurvedico dell’artrite reumatoide

Il nome ayurvedico dell’artrite reumatoide è “aamvaata“. In ambito Ayurveda, vi sono diversi trattamenti efficaci ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *