Home / Donna / Dismenorrea

Dismenorrea

La dismenorrea è una mestruazione dolorosa ed è una delle più diffuse disfunzioni ginecologiche. Essa può essere primaria o secondaria: nella dismenorrea primaria non vi sono alterazioni pelviche e di consueto la malattia è intrinseca all’utero.

DismenorreaCause

La ricerca comune considera come maggiore causa di insorgenza di questa condizione una generazione aumentata di prostaglandine da parte dell’endometrio. Oltre a ciò, essa può essere dovuta a fattori ormonali, ostruttivi e psicologici. La dismenorrea secondaria è invece cagionata da alterazioni quali l’endometriosi, l’infezione pelvica, le anomalie congenite, i fibromi uterini e le cisti ovariche.

Sintomi

Il dolore può essere ingenerato dall’aumento della contrattilità uterina e dall’ipossia uterina. Il dolore può essere colico o sordo, di solito nella regione ventrale più bassa, a spasmo unico costante. Oltre a ciò si possono sperimentare nausea, vomito, diarrea, mal di testa, brividi, affaticamento, isterismo e lombalgie.

Diagnosi

La diagnosi della dismenorrea si formula per esclusione. A questo proposito potranno essere prescritti test per escludere le lesioni da Clamidia e da gonorrea. Un’ecografia pelvica può scoprire tumori, endometriosi e cisti. Il test urinario o ematico di gravidanza può essere eseguito ai fini di escludere una gravidanza ectopica. L’isteroscopia e la laparoscopia possono essere eseguite per ricercare l’endometriosi.

Trattamento della dismenorrea

I provvedimenti di seguito indicati sono validi per la dismenorrea primaria; il trattamento della dismenorrea secondaria è finalizzato alla patologia sottostante.

  • calore locale, come un cuscino caldo per incrementare il flusso di sangue e abbassare gli spasmi;
  • esercizio per accrescere il rilascio di endorfine, che diminuisce la sensazione di dolore e far terminare il rilascio delle prostaglandine;
  • farmaci antinfiammatori non steroidei (ibuprofene, naprossene) per la loro attività antiprostaglandinica;
  • contraccettivi orali per abbassare la contrattilità e il flusso mestruale;
  • in alcuni casi, può essere d’aiuto l’allargamento del canale cervicale e il “raschiamento”;
  • solitamente, quando non vi sono complicazioni, viene impiegato l’autocontrollo.

Forse potrebbe interessarti...

diagnosi della sindrome coronarica acuta

Diagnosi della sindrome coronarica acuta

La diagnosi della sindrome coronarica acuta La diagnosi della sindrome coronarica acuta si effettua mediante l’ausilio ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *