Home / Patologie / Ipertiroidismo

Ipertiroidismo

L’ipertiroidismo può essere definito come una patologia in cui la caratteristica distintiva è costituita dalla eccessiva attività della ghiandola tiroidea.

IpertiroidismoL’ipertiroidismo ha come risultato un incremento dei livelli degli ormoni tiroidei nel torrente ematico e la conseguenza di ciò è una accelerazione delle funzioni vitali dell’organismo. La regolazione del metabolismo ovvero della velocità con cui si svolgono i processi chimici dell’organismo stesso è resa possibile proprio dagli ormoni tiroidei, in particolare gli ormoni T3 e T4, i quali hanno un’influenza diretta su molteplici funzioni vitali, quali la frequenza del battito cardiaco e della respirazione, la digestione, la crescita e la fertilità.

Cause dell’ipertiroidismo

Le cause dell’ipertiroidismo possono essere molteplici. Ricordiamo fra queste innanzitutto il morbo di Basedow (provocato da un’attivazione atipica del sistema immunitario), le diverse forme di tiroidite, i noduli o gli adenomi tossici (cioè che producono ormoni tiroidei) e il gozzo multinodulare tossico, le infiammazioni causate da sostanze tossiche o da radiazioni e, alquanto raramente, una stimolazione eccessiva da parte dell’ipofisi (che solitamente regola la liberazione degli ormoni T3 e T4 tramite una sostanza denominata TSH o tireotropina).

Sintomi

La sintomatologia che caratterizza tutte le forme di ipertiroidismo si contraddistingue per un aumento di molti processi del metabolismo. I sintomi più comuni, fra gli altri, sono: tachicardia, pelle calda, sottile e umida, tremori, nervosismo, iperattività, gozzo, aumento della sudorazione, diarrea, segni oculari (sguardo fisso e, nel caso di morbo di Basedow, esoftalmo e diplopia), calo di peso, insonnia, alterazione del ciclo mestruale e debolezza.

Diagnosi di ipertiroidismo

La diagnosi di ipertiroidismo si formula mediante l’esame obiettivo e sul dosaggio degli ormoni tiroidei e del TSH. Quest’ultimo è solitamente frenato dalle alte concentrazioni di T3 e T4 e si rivela di conseguenza ridotto, se si eccettuano le forme di ipertiroidismo secondarie a iperstimolazione da parte dell’ipofisi. Le analisi del sangue e l’ecografia, ovvero l’eco-doppler o la scintigrafia della ghiandola tiroide possono essere d’ausilio per determinare la causa della malattia.

Trattamento dell’ipertiroidismo

La cura dell’ipertiroidismo, a parte la risoluzione dell’eventuale malattia di base, usa farmaci in grado di governare i sintomi dell’iperstimolazione tiroidea (come i beta-bloccanti) e farmaci c.d. tireostatici (come propiltiouracile e metimazolo), che funzionano inibendo la sintesi di ormoni tiroidei. Nei casi in cui è necessario un trattamento urgente ci si può avvalere, per brevi periodi, della prescrizione di iodio in dosi farmacologiche. Nelle forme gravi può rendersi necessaria la distruzione di una parte o di tutta la ghiandola tiroide mediante la somministrazione di iodio radioattivo ovvero mediante l’intervento chirurgico di asportazione della ghiandola (tiroidectomia).

Forse potrebbe interessarti...

diagnosi della sindrome coronarica acuta

Diagnosi della sindrome coronarica acuta

La diagnosi della sindrome coronarica acuta La diagnosi della sindrome coronarica acuta si effettua mediante l’ausilio ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *