Home / Patologie / La cataratta

La cataratta

La cataratta può essere definita come una patologia che si contraddistingue dall’opacizzazione del cristallino, che genera un progressivo offuscamento della visione. Il cristallino è la parte dell’occhio grazie al quale è possibile mettere a fuoco le immagini sulla retina ed è formato prevalentemente da acqua e proteine orientate in guisa tale da mantenerne la trasparenza. Questa viene a mancare quando si formano ammassi di proteine che ne modificano la struttura.

CatarattaCause

I motivi che ingenerano la cataratta non sono, ancora oggi, conosciuti con precisione. I fattori di rischio comunemente identificati sono l’età, l’abitudine al fumo, la malnutrizione e il diabete. Ulteriori cause sulle quali la ricerca concorda che possano essere forieri di insorgenza di cataratta sono i traumi (sia degli occhi sia del cranio), il protratto uso di alcuni farmaci (come i farmaci corticosteroidi), l’esposizione a radiazioni e l’intossicazione da naftalene o da alcaloidi della segale cornuta. Certe forme di cataratta possono essere addirittura essere congenite.

Sintomi

Una cataratta in fase iniziale può anche essere asintomatica e tendere a svilupparsi lentamente, di modo che la perdita visiva è di solito progressiva. I sintomi più frequenti sono: visione offuscata o annebbiata, presenza di aloni e riflessi (in particolare in caso di luci di una certa intensità, quali i fari di un’auto che proviene dalla direzione opposta), diplopia (visione sdoppiata). In presenza di condizioni di luce normale, taluni pazienti presbiti o ipermetropi denotano inizialmente un miglioramento della visione da vicino ipotizzando addirittura di potersi sbarazzare degli occhiali. Sporadicamente, la cataratta può ingenerare l’aumento della pressione oculare e l’insorgenza di un glaucoma acuto.

Diagnosi di cataratta

La diagnosi di cataratta si formula in seguito a una visita oftalmologia completa da parte di un oculista, a cui è imprescindibile rivolgersi al manifestarsi dei sintomi sopra descritti. Sono utili l’esame del fondo oculare con l’oftalmoscopio e l’utilizzo di una lampada a fessura, per la determinazione del tipo, delle dimensioni e della sede della cataratta.

Trattamento

Nella fase iniziale della malattia è bastante utilizzare occhiali e lenti correttive. L’unica cura che garantisca la guarigione della cataratta è quella che prevede l’intervento chirurgico: si adoperano gli ultrasuoni per frammentare il cristallino all’interno dell’occhio, il quale viene poi risucchiato mediante un’incisione piuttosto piccola e rimpiazzato con una lente intraoculare di materiale plastico del tutto biocompatibile. Modificando il potere del cristallino artificiale, si possono contemporaneamente correggere difetti di rifrazione (miopia, ipermetropia) preesistenti. Sporadicamente, a distanza di qualche tempo dall’intervento, la vecchia capsula del cristallino può opacizzarsi nuovamente annebbiando la visione: con un intervento in ambulatorio con laser YAG si può eliminare definitivamente l’opacizzazione.

Forse potrebbe interessarti...

diagnosi della sindrome coronarica acuta

Diagnosi della sindrome coronarica acuta

La diagnosi della sindrome coronarica acuta La diagnosi della sindrome coronarica acuta si effettua mediante l’ausilio ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *