I semi di girasole: un concentrato di benefici per la salute

I semi di girasole, prodotto tanto semplice quanto prezioso, sono ricchi di proprietà e benefici per il nostro organismo.
Scopriamo perché questi piccoli semi oleosi dovrebbero entrare a far parte della nostra dieta.

Proprietà nutrizionali dei semi di girasole

I semi di girasole sono costituiti per la maggior parte da grassi cosiddetti “buoni”, soprattutto acido linoleico, appartenente alla famiglia degli omega-6. Contengono anche una discreta dose di omega-3.
Oltre ai grassi benefici, i semi di girasole contengono proteine vegetali di elevato valore biologico, sali minerali come ferro, zinco, manganese e selenio, e vitamine del gruppo B.
Sono inoltre una buona fonte di vitamina E, dalle proprietà antiossidanti. Il loro apporto calorico è piuttosto elevato.

Benefici per la salute

Grazie al loro profilo nutrizionale particolarmente ricco, questi semi apportano molteplici benefici al nostro organismo:

  • Migliorano i livelli del colesterolo nel sangue, contrastando l’ipercolesterolemia e l’aterosclerosi.
  • Hanno effetti benefici sulla salute del cuore e del sistema cardiovascolare.
  • Aiutano a contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare grazie alla vitamina E.
  • Sono utili per la salute del sistema nervoso, ricchi come sono di vitamine del gruppo B.
  • Rafforzano il sistema immunitario.
  • Aiutano a mantenere sane pelle, ossa, gengive e denti.
  • Grazie al contenuto di fibre, aiutano il buon funzionamento dell’intestino e sono utili in caso di stipsi.

Come consumare i semi di girasole

I semi di girasole si possono consumare in vari modi:

  • Crudi, come spuntino o aggiunti alle insalate. Sono il modo migliore per preservare tutte le proprietà.
  • Tostati, per uno snack croccante.
  • Sotto forma di burro o crema di semi di girasole, ottima alternativa alla classica crema di nocciole.
  • Macinati e aggiunti a zuppe, vellutate, biscotti e pane. Apportano proteine, grassi buoni e fibre.
  • Sotto forma di olio, ricavato dalla spremitura a freddo dei semi. Eccellente per condire e cucinare.

Quantità consigliata

La dose giornaliera consigliata di questi semi è di circa 30-40 grammi, pari a circa due cucchiai. Una quantità superiore potrebbe apportare troppe calorie.
È bene non esagerare con i semi oleosi in generale. Meglio alternare i semi di girasole ad altri semi come quelli di lino, zucca, sesamo.

Controindicazioni ed effetti collaterali

I semi di girasole sono generalmente ben tollerati e privi di particolari effetti collaterali. In rare persone possono causare allergie o disturbi gastrointestinali.
Sono inoltre da evitare in caso di calcoli biliari, deficit di lipasi pancreatica (malassorbimento dei grassi) e favismo (allergia alle fave).

Interazioni farmacologiche

I semi oleosi in grandi quantità possono interferire con alcuni farmaci, in particolare:

  • Anticoagulanti: potenziano l’effetto fluidificante del sangue.
  • Antiaggreganti: potenziano l’azione fluidificante.
  • Farmaci per diabete e insulina: potenziano l’effetto ipoglicemizzante.

In conclusione, i semi di girasole sono un alimento semplice ma ricchissimo di proprietà benefiche, che dovrebbe entrare a far parte dell’alimentazione quotidiana, nelle giuste quantità, per un apporto prezioso di nutrienti fondamentali per la salute.

Se hai trovato interessante questo articolo, non dimenticare di condividerlo sui tuoi canali social e di lasciare un commento qui sotto!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *